plicometria addome donna

Obiettivo: perdere peso o dimagrire?

A colpo d’occhio potrebbe sembrare la stessa cosa, ma non è così! Confesso, la domanda è formulata appositamente in modo un po’ provocatorio ma mi sembrava un buon inizio per anticipare un tema che mi sta molto a cuore: il peso.

Quando ci vediamo qualche chilo di troppo il primo pensiero è “devo perdere peso”.

Così la bilancia e i numeri che mostra senza pietà diventano un’ossessione per molte. Ma il punto è che non è quel numero a stabilire il grado di salute e di “magrezza” di una persona.

Dimagrire infatti significa perdere grasso, perdere peso significa abbassare il valore del numero sulla bilancia, che il più delle volte si traduce in perdere massa magra e fibre muscolari (e quindi tonicità).

Vi butto là un’altra provocazione: sapete che la percentuale di massa grassa in una persona anoressica è molto a quella di una persona obesa?

Come si spiega tutto questo?

Ve la faccio molto semplice.

Poniamo il caso di voler perdere qualche chilo, la prima cosa che siamo tentate di fare è iniziare una dieta ipocalorica e quindi abbassiamo l’importo calorico giornaliero (pane e pasta diventano più o meno dei demoni).

Di conseguenza il nostro fisico percepisce un deficit e quando finisce di bruciare quello ingeriamo quotidianamente, inizia a bruciare quello di cui il nostro corpo si compone. Sarebbe tutto fantastico se andasse ad intaccare subito le riserve di grasso ma, appunto, sarebbe troppo facile.

Il grasso è la scorta delle scorte per il nostro organismo, per cui viene mantenuto lì per le reali emergenze (o se stimolato con un piano metabolico ben preciso).

Quindi quello che rimane da bruciare sono le fibre muscolari e la massa magra. Per cui quando si va a perdere peso con diete ipocaloriche che promettono risultati in tempi rapidi, il dimagrimento non avviene in maniera sana, perché quello andremo ad ottenere è una perdita di tono muscolare e non un perdita di grasso. Certo, se l’obiettivo e calare volumi e il numero sulla bilancia il risultato è raggiunto, ma sul lungo periodo i risultati non si mantengono e non vi sentirete comunque così in forma.

Quindi la soluzione è sempre la stessa: abbinare un buon allenamento con un’alimentazione sana.

Questi due fattori permetteranno da un lato la crescita muscolare (nei limiti del possibile, che tranquille non andrà a compromettere la vostra femminilità) che di conseguenza innalzerà il metabolismo che a sua volta permetterà di bruciare anche il grasso.

Ma c’è un’altra cosa da considerare a questo punto.

A parità di volumi, il muscolo pesa molto più del grasso per cui è assolutamente normale in una fase di ricomposizione corporea aumentare di peso.

Se tutto questo vi sembra strano vi racconto la mia esperienza personale. Non sono mai stata in sovrappeso, per cui non ho iniziato ad allenarmi per perdere chili ma per essere più in forma.


Prima di iniziare ad allenarmi pesavo 47/48 Kg, ad oggi dopo 5 anni di allenamento peso 57 Kg.

Sono ingrassata?

Sono aumentata si e no di una taglia, ma le forme del mio corpo sono completamente diverse mentre la percentuale di grasso è drasticamente scesa. E vi dico anche questa, non mi sono mai sentita così in forma! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...