alimenti sani e vari

I 10 alimenti (che credevi) nemici della dieta – Parte 1

Spesso cadiamo nella trappola delle diete fai da te o adottiamo la dieta prescritta alla nostra amica, e pretendiamo da queste risultati immediati e duraturi. Ovviamente il presupposto è già sbagliato, perché il nostro aspetto e la nostra salute passa da uno stile di vita sano che si costruisce giorno dopo giorno e che non può essere improvvisato. Se si sceglie di rimettersi informa è sempre bene seguire i consigli di un esperto e affidarsi a professionisti ogni qual volta si intraprende un percorso che riguarda la nostra salute. Con questo articolo non voglio sostituirmi all’esperienza di nutrizionisti e dietologi, ma abbattere qualche barriera perché mangiare è bello e nessun alimento è da vietare categoricamente se inserito in un programma alimentare vario ed equilibrato.

Detto ciò, vediamo insieme i primi 5 alimenti che state rinunciando a mangiare ma che non dovete continuare a farlo!

1. Uova: un’idagine svolta dalla Commissione Europea dimostra come il popolo italiano sia quello che consuma meno uova. Ma da cosa dipende questa scelta alimentare? Le uova sono invece un alimento ricco di valori nutrizionali indispensabili. Pensate ad esempio che le proteine contenute nell’albume hanno una qualità nutrizionale più alta di quelle contenute nella carne, pesce e latte ed è ricco di i fosfolipidi, vitamina A, D, E, PP, B1, B”, B12, minerali come ferro, fosforo e calcio. Ma non solo: è anche amico del dimagrimento: infatti l’apporto calorico di due uova sode è lo stesso di un vasetto di yogurt e che sebbene il tuorlo sia un concentrato di colesterolo, nell’uovo è contenuta anche la lecitina, una sostanza in grado di ridurre l’assorbimento del colesterolo nel nostro organismo. In termini pratici, possono essere assunte dalle 2 alle 5 uova alla settimana.

2. Patate: spesso vengono bandite dalle diete per il loro alto livello glicemico, ma sono davvero così nemiche del nostro peso-forma? Le patate sono dei tuberi e come gli altri ortaggi apportano vitamine e minerali come potassio, magnesio, zinco, fibra, vitamina c ma anche un maggiore apporto calorico. Un  beneficio importante della patata risultato dallo studio dell’European Journal of Clinical Nutrition è che le patate bollite hanno un alto “indice di sazietà”: il triplo del pane bianco. Quindi stando al parere dell’esperta Maria Grazia Carbonelli, direttrice dell’Unità di dietologia e nutrizione-Azienda ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma, le patate possono essere assunte 1-2 volte a settimana (meglio se bollite e con pochi condimenti), purché si riducano altri tipi di carboidrati come pane e pasta e vengano abbinate a proteine e fibre che riducono l’impatto glicemico.

3. Avocado: un altro alimento vietato per il suo alto apporto energetico (250 kcal a frutto). Anche in questo caso i benefici apportati da questo frutto sono molti: uno studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association ha dimostrato che è in grado di ridurre il colesterolo, mentre quello pubblicato sulla rivista Diabetes Care che è in grado di ridurre l’accumolo di grasso a livello addominale. Inoltre ha un alto potere saziante ed è un vero sterminatore di radicali liberi!

4. Mandorle: è un errore eliminare la frutta secca dalle diete dimagranti, bisogna solo sapere in che misura assumerla. Soprattutto le mandorle, intere o sbucciate, sono ricche di fosforo, potassio, magnesio, calcio, ferro, zolfo, doro, alluminio, manganese, rame, zinco, vitamine A, E, B1, B2 e PP. Sono la più ricca fonte di calcio ricavabile da fonti vegetali, oltre che di omega3 e proteine. Per i suoi valori nutrizionali importanti è in grado di aiutare a perdere peso in maniera corretta, a prevenire malattie quali disturbi cardiaci, ipercolesterolomia, pressione alta e molte altre e renderà la vostra pelle elastica e luminosa. Sarà sufficiente aggiungere 5 mandorle al giorno alla vostra merenda a base di frutta o yogurt per assumere la dose giornaliera corretta.

5. Olio d’oliva: è un grasso che combatte il grasso! Si tratta di un alimento in grado di regolare il metabolismo e di tenere sotto controllo il peso perché possiede un potere anti-insulina e i grassi che contiene sono indispensabili per assimilare vitamine liposolubili quali A, E e K contenute in frutta e verdure. In assenza dei suoi contenuti lipidici, sarà anche più difficile assimilare il calcio, così importante per le nostre ossa.

Fine prima parte!

Vi aspetto al prossimo articolo I 10 cibi (che credevi) nemici della dieta – Parte 2, in cui scoprirete gli altri 5 alimenti a cui non dovrete più rinunciare!

Annunci

2 pensieri su “I 10 alimenti (che credevi) nemici della dieta – Parte 1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...